Fu Do Shin Karate Club
Benvenuti nel sito dell'associazione sportiva dilettantistica Fu Do Shin Karate Club! 
FacebookGoogle PlusLinkedInTwitterYouTube

AVVISO IMPORTANTE : Le attività del dojo ripartiranno il 13 settembre. Vi aspettiamo numerosi! 

Prof. Tatsuo Suzuki Sensei

Suzuki2Tatsuo Suzuki nacque a Yokohama, in Giappone nel 1928.
Il padre era un uomo amante del divertimento e proprietario di un grande ristorante. E' stato spesso assunto da uomini d'affari e dignitari locali per organizzare feste.
Tutto è cambiato quando sono stati costretti a trasferirsi in campagna per evitare i bombardieri americani durante la guerra. Militarista per credo, considerava gli insegnanti di scuola come dei come il samurai il suo Signore.
Tatsuo Suzuki voleva disperatamente diventare un soldato, ma era troppo giovane. Ha cercato di entrare all’accademia navale non sapendo che erano tutti destinati alla formazione come piloti Kamikaze, fortunatamente la sua domanda era stata respinta a causa di un problema agli occhi. Al momento rimase molto dispiaciuto del rifiuto anche perché era cresciuto secondo il codice Bushido, pronto a morire per il proprio imperatore sapendo che per il suo paese sarebbe stato un grande onore.
Fu a scuola che ha avuto il suo primo assaggio di arti marziali. Praticò il Kendo ogni giorno. All’età di 14 anni incontrò uno degli amici di scuola di suo fratello maggiore che studiava Karate Wado Ryu all'università, da quel momento in poi ogni volta che tornava a casa gli chiedeva di fargli da insegnante. Alla fine fu d'accordo anche se l’insegnamento fu tutto sul combattimento, nulla di tecnico.
Dopo la guerra tornò con la sua famiglia a Yokohama. Gli americani avevano occupato il Giappone e nonostante il suo odio verso di loro finì per lavorare in una delle loro basi militari come uomo delle pulizie. La propaganda governativa aveva trasformato gli americani in demoni che avevano ucciso i loro uomini e violentato le loro donne. Attraverso il lavoro alla base si rese conto che si trattava di una bugia. A quel tempo il cibo era scarso, vivevamo mangiando insetti e riso. Gli americani gli davano da mangiare, cioccolato e, naturalmente, Coca Cola.
Decise di imparare l'inglese e andò alla YMCA locale dove si tenevano le lezioni. Una volta lì scoprì che anche loro insegnavano il Karate. Sapeva che era il Karate che voleva fare e dimenticò presto di imparare l'inglese. L'istruttore era un uomo di nome Kimura. Era uno dei migliori studenti del professor Ohtsuka fondatore del Wado Ryu karate.
Gli americani avevano vietato tutte le arti marziali quindi dovette chiamare il Karate pugilato giapponese. Si allenò alla YMCA per circa 6mesi. Si alleno dove poteva, in giardini o campi, sotto la pioggia e la neve, ovunque gli americani non potevano trovarli. Kimura era un uomo molto intelligente, con una tecnica molto forte. Era un 5 ° Dan, al momento il più alto grado in Giappone.
Rimase affascinato dalla via del guerriero e dal codice dei samurai. Lesse libri sul Budo, Bushido e Hagkure. Sognava spesso da ragazzo di essere un eroe samurai. Dopo la guerra non gli era permesso l’uso delle spade, così cercò un arte marziale senza armi. Il Judo era sempre stato l’arte marziale vincente, ma il Karate era diverso. Con velocità, tempi e buono spirito combattivo si poteva sconfiggere qualsiasi avversario grande o piccolo.
Mentre il dopo guerra giapponese aveva visto abbracciare le usanze americane, baseball, coka, Elvis, Tatsuo Suzuki ha voluto dare al mondo qualcosa di giapponese diventando un grande maestro.
Quando iniziò erano solo quattro ore di formazione al giorno che alla fine aumentarono a 10. Tutti pensarono che fosse pazzo, ma lui riteneva che per essere il migliore si doveva lavorare più a lungo e più di chiunque altro. Si allenò di notte nel giardino di un santuario vicino a casa fino alle prime ore del mattino indossando il suo karate-gi bianco diffondendo, inavvertitamente, la voce di un fantasma che si aggirava di notte nel santuario.
Alla fine di ogni anno andava per due settimane fino a un tempio in montagna. Si allenò tutti i giorni dallamattina alla sera, fermandosi solo per un piccolo pasto anche perché mangiare più gli avrebbe fatto male. La sua giornata iniziava con una corsa, seguita dalla meditazione Zen, dopo di che si esercitava a spegnere la fiamma di una candela solamente con forza del suo pugno. Poi iniziò a lavorare sui calci indossando stivali di ferro cercando di aumentare quella forza che avrebbe costituito e velocità del suo calcio. La sua tecnica preferita fu il sokuto (calcio laterale), Ohtsuka sensei diceva ai suoi studenti che chi desiderava esercitarsi con il sokuto di andare a vedere il signor Suzuki. Il tutto sarebbe seguito da tre ore di lotta con i suoi studenti e per terminare la giornata praticava i kata eseguendoli almeno tre volte. Una volta finito l’allenamento il suo corpo risentiva tutti i dolori dei tempi passati.
Voleva andare a Tokyo più volte alla settimana per allenarsi con il maestro Ohtsuka. Il maestro Ohtsuka era un uomo veramente grande, fuori dal karate era un gentiluomo, ma all'interno del dojo era come un vero samurai. Amava insegnare allenandosi con i propri allievi. Molte delle sue cinture nere, allievi tornati dalla guerra temprati fisicamente che mentalmente, combattevano molto duramente rendendo le lezioni estremamente difficili.
Quei combattimenti erano molto diversi da quelli di oggi. Non c'erano regole, qualsiasi tecnica era permessa, calci all'inguine, colpi agli occhi e alla gola.
Nel 1963 il maestro Suzuki e altri due studenti viaggiarono per il mondo per portare la conoscenza del Wado Ryu. Il risultato fu che diversi paesi offrirono la loro ospitalità per venire ad insegnare. Tatsuo Suzuki scelse la Gran Bretagna in quanto l'inglese era l'unica lingua che conosceva. Poteva scegliere l’America anche perché gli era stato offerto un contratto sponsorizzato da parte di alcuni uomini d'affari americani, ma lì già insegnava un istruttore Shotokan, Ohshima, quindi rifiutò.
Si trasferi in Inghilterra nel gennaio del 1965. Fu difficile per lui stabilirsi in un primo momento. Il suo inglese era molto semplice, ha dovuto aiutarsi, durante le lezioni, con un vocabolario giapponese/inglese per cercare di spiegare il suo insegnamento. Dato che era l'unico istruttore giapponese in Inghilterra tutti volevano partecipare alle sue lezioni. Le richieste erano talmente tante che non gli rimaneva tempo per fare altri lavori.
Per prima cosa pensò che sarebbe stato difficile insegnare agli occidentali un'arte marziale orientale anche perché gli era stato detto che gli occidentali non riuscivano a muoversi in quanto avevano l’abitudine di sedersi su sedie in contrasto con il pavimento, di conseguenza non avevano alcuna potenza, ma quando tornò in Giappone disse che ovviamente non era vero.
Lasciato il Giappone si trasferì a Londra vivendo in un monolocale così freddo che sarebbe stato impossibile dormire. Si doveva riscaldare prima di andare a letto. Non c'erano negozi giapponesi e desiderava ardentemente mangiare un po' di cibo giapponese.
L’intero sviluppo delle arti marziali in occidente ebbe un grande balzo in avanti durante il cosiddetto “boom di Bruce Lee”. Tatsuo Suzuki si trovò in TV e sui giornali per molto tempo. Questo tipo di attenzione, messo a disposizione dai media, attirò su di lui sempre più gente che desiderava mettersi alla prova. Una volta lesse, su un giornale, di un uomo ungherese che sosteneva di essere uno dei migliori allievi di Bruce Lee e diceva che, dopo l'allenamento di un mese con lui, ogni allievo sarebbe stato in grado di battere qualsiasi avversario. Si indignò a tal punto che contattò il giornale che aveva stampato l'articolo e sfidò chi aveva rilasciato quella dichiarazione in una lotta con regole da impostare. Aspettò senza ricevere alcuna risposta. Tempo dopo gli dissero che l’ungherese lo aveva già battuto e non vedeva alcun motivo combattere nuovamente. Si mise a ridere, ovviamente pensò che aveva paura di affrontarlo da uomo a uomo. Nel corso degli anni si è guadagnato il rispetto delle persone.
Mentre viveva in Giappone fece diversi lavori e, a volte, gli richiedevano di utilizzare il Karate, facendo il buttafuori di una discoteca o la guardia del corpo. C'era spesso attrito con gli yakuza giapponese (gangster giapponesi). Una volta si trovò ad affrontare una banda della yakuza locale. Era solo contro circa 20 di loro. Si salvò dietro la parete di una grande roccia. Se avesse fatto un passo in avanti lo avrebbero visto e sarebbero tornati verso di lui. Per sua fortuna passò di li un suo amico e aveva visto quello che stava succedendo. Andò verso la sua casa e tornò con gli aiuti. Anche se loro erano solo in 5 contro 20 di loro, i gangster della yakuza erano terrorizzati. Uno della loro banda aveva recentemente perso un occhio in un combattimento con uno che praticava il Karate. Atterrò il loro capo con un colpo all'inguine e messo fuori un altro di loro che si stava avvicinando con un coltello. Il resto della banda, alla fine, riuscì a scappare. Si rese conto che aveva perso il su cappello universitario e che sarebbe stato nei guai seri se l’avesse trovato la polizia. Lo cercò dappertutto e alla fine lo trovò sotto il corpo di un yakuza. Il giorno dopo cercò notizie sui giornali sul ritrovamento di un cadavere, ma non ne trovò. Concluse che in fin dei conti nessuno si era ferito in modo grave.
La paura, per quanto riguarda la lotta, si può superare con l'allenamento mentale. Si tratta di un aspetto fondamentale della formazione nel Karate. Quando si combatte è importante avere un forte spirito e un cuore coraggioso. Se si è attaccati non bisogna mai aver paura o essere sorpresi. Si deve sempre credere in se stessi anche se questo è difficile da realizzare. Ad un famoso samurai una volta fu chiesto cosa avrebbe fatto se fosse stato aggredito per strada. Egli rispose che si sarebbe mosso verso il suo aggressore in modo da impedirgli di colpire con la sua spada. Andò nei monasteri per imparare la meditazione Zen dai monaci. Un samurai non deve temere la morte prima della battaglia, questo era lo stato d'animo che lui ha cercato di raggiungere. Diceva che si doveva essere sempre saggi e prudenti.
Oggi ci sono troppe persone che smettono la loro formazione una volta che passano 2° o 3° Dan, non si rendono conto che le cinture non sono importanti. I gradi non significano niente, tutto quello che conta è quello di allenarsi duramente. Molte persone si definiscono 10° o addirittura 12° Dan, ma la maggior parte di loro sono spazzatura.
Quando il maestro Suzuki ottenne il suo 5° Dan non esisteva studente universitario che si fosse mai classificato così in alto. Lui non voleva questo e ha chiesto al maestro Ohtsuka di non darglielo, ma lui insistette. Successe la stessa cosa quando gli venne dato l’8° Dan. Nel corso degli anni gli furono offerti da altri maestri il 9° e il 10° Dan, ma rifiutò. Per lui non avevano alcun valore, l'unico uomo degno di dargli un grado era il maestro Ohtsuka ma lui era morto.
Per lui era molto importante allenarsi regolarmente. Diventò difficile, però, quando negli ultimi anni le richieste dei suoi insegnamenti aumentarono enormemente. Portò allievi esperti dal Giappone e insegnò loro come essere istruttori, li mandò poi in vari paesi europei. Nel giro di pochi anni il Wado Ryu è diventato lo stile più popolare in Europa. Il maestro Suzuki prese il posto del maestro Ohtsuka nel proteggere l'essenza del Wado Ryu e costituì la Wado International Karate-Do Federation (WIKF). Ci fu una maggiore partecipazione di studenti non WIKF ai suoi corsi. Questo gli piacque perché sentì che tutti i club volevano ottenere una conoscenza accurata degli aspetti tradizionali del loro stile, anche se la loro tendenza era verso il karate sportivo.
In risposta a questo riorganizzò la sua federazione nel Regno Unito. I grandi club e le organizzazioni possono ora affiliarsi con la WIKF e godere di tutti i vantaggi dei suoi corsi conservano ancora la loro autonomia finanziaria. Ora è il momento per tutti i gruppi Wado di collaborare più strettamente attraverso i corsi. Praticare il Wado Ryu significa anche che siamo tutti fratelli e sorelle.
In aggiunta ai suoi successi nel Karate, il Professor Suzuki fu un 2° Dan in Tenshin Koryu Bo-Jitsu (bastone di combattimento) e un 1° Dan di Judo. Il maestro Suzuki era anche membro del Budo International Academy (IBA) come Professore Associato ed gli è stato assegnato il titolo di Dottore di Filosofia per il suo lavoro di una vita e l'impegno per l'insegnamento del Wado Ryu.
Il maestro Tatsuo Suzuki muore il 12 luglio del 2011 all’età di 83 anni, è stato uno dei più grandi maestri giapponesi di tutti i tempi.
csanazionalebanner           wikfitaliabanner  endasvenetobanner

Orari

orarioMartedì e Giovedì:

bambini - dalle 19.00
 alle 20.10

                  ragazzi e adulti - dalle 20.30 alle 22.00

Settore Giovanile

bimbodxLa pratica del karate da parte di giovani e bambini è finalizzata allo sviluppo della loro personalità. Gli stimoli proposti loro sono volti al miglioramento delle capacità motorie e cognitive. Nel dojo si educa l’allievo a coltivare un sentimento importante: il rispetto.

Discipline praticate

bimbosxKarate Stile Wado Ryu,  Hakko Ryu Ju Jutsu, Krav Maga, Ryu Kyu Kempo Karate, Kiai-Do, Combat Ju Jitsu e difesa personale SDTT e SDS Concept.

Cosa aspetti?  Vieni a provarle con noi!